Szállásügyintézés

+36 30 6414092  szallasfoglalas@edvymalom.hu

Rendezvényszervezés

+36 30 5718083  info@edvymalom.hu

Cím

Edvy Malom Fogadó és Barokk Udvarház
H-8500 Pápa, Gyimóti u. 91.

GPS: N47  19'  26,47"   E17  29'  13,18"

Rendezvény szervezés

Kultúrális rendezvény szervezés

Étterem

Múzeum

Presentazione

Pápa evoca l' epoca barocca ed è una delle più belle città ungheresi in cui si respira atmosfera storica. 

Centro dei possedimenti della famiglia Eszterházy, la città visse la sua epoca d' oro nel Settecento. In questo secolo sono state costruite le case di abitazione della piazza principale e delle piccole vie circostanti, nonché il castello tardobarocco degli Eszterházy. I dintorni di Pápa erano territori paradisiaci per i mulini di acqua - grazie al ruscello Tapolca, abbondante di acqua. Essendo scaturito dalla sorgente e avendo coperto soli 200 metri, il ruscello tirò l' acqua al primo mulino, al mulino Forrásfői. La storia della città di Pápa è inseparabile dai mulini.

Anche la prima menzione della città è relativa ad un affare di mulino, nel 1061. Il comes Ottone dona un mulino all' abbazia fondata da lui ("...molam in Papa..."). Naturalmente, fin dall' inizio i mulini venivano adoperati non solo per macinare cereali, ma anche come lanifici e mulini sega. Lungo il ruscello Tapolca furono attivi i seguenti mulini: Mulino Forrásfői, Lanificio Forrásfői, Mulino Tapolcafői del nobile Comnitz, Mulino Vescovile Simaházi, Mulino Capitolare o Lanificio Simaházi, Mulino Döbrési, Mulino Zavari, Mulino Papiros (mulino della carta), Mulino Hatkerekű (mulino a sei ruote), Mulino Igali, Mulino Sávolyi, Mulino Csingeri, Lanificio Nagyhantai, Mulino Bogáts, Mulino Camerale Agyagliki, Mulino Kishantai o Mulino Benediktus, Mulino Hódoska o Mulino Uki, Mulino Kapitány (mulino del capitano) al Szélesvíz, Mulino Város (mulino della città), Mulino Tízes (mulino decimale), Mulino Mester o Mulino Marok (mulino del maestro o mulino del pugno), Mulino Parochiális o Mulino Pap (mulino parrocchiale o mulino del prete), Mulino Küllü (donato dai Garai ai paolini di Porva), Mulino Fehér (mulino bianco), Mulino Borsosgyőri, Mulino Asszonyfalvi, Mulino Börhendi, Mulino Superiore Acsádi , Mulino Inferiore Acsádi, Mulino Alsógörzsönyi, Mulino Felsőgörzsönyi, Mulino Marcaltői. Purtroppo, alla fine dell' Ottocento i mulini ad acqua hanno perso la competizione nell' industria molitoria contro i mulini a cilindri. Ciò nonostante molti mulini ad acqua hanno continuato a macinare cereali provvedendo la popolazione di macinato. I mulini dei dintorni di Pápa sono stati persi dalla statalizzazione avvenuta dopo la seconda guerra mondiale. Molti mulini sono stati demoliti immediatamente, alcuni sono diventati macinini delle cooperative. Sugli scaffali dei negozi è apparsa la farina come prodotto confezionato della grande industria, nessuno ha portato più il proprio frumento al mulino affinché venga macinato. Tant' è vero, nessuno aveva più frumento, tutto è finito nelle cooperative... Gli edifici dei mulini di grandi dimensioni sono diventati magazzini, oppure molte volte più famiglie si sono installate lì. Nessuno ha provvisto alla loro manutenzione e alla loro conservazione. Molti sono stati sparpagliati, come materiale edile o combustibile. Alcuni sono crollati... Oggi, a Pápa, nella città dei mulini non c' è nemmeno un mulino che potrebbe funzionare da monumento industriale e in cui si potrebbe far conoscere i ricordi dell' antico mestiere del molinaro.

Ciò non resterà così per molto tempo...

Il Mulino Hódoska o il Mulino Uki si chiama anche Mulino Edvy, nome preso dall' ultimo proprietario, Edvy Károly. Nel 2001 è stato suo nipote, Sántha Csaba a ricomprare l' edificio e a cominciare il rinnovamento del mulino e la costruzione contemporanea della locanda.